22 Gennaio 2022

Insonnia, perchè sopravviene? Sintomi, passeggera, cure, cure omeopatiche

Insonnia, perchè sopravviene? Sintomi, passeggera, cure, cure omeopatiche

Come combattere l’insonnia: cause insonnia

L’insonnia è un disturbo del sonno che colpisce fino al 35% degli adulti. È caratterizzata da problemi ad addormentarsi, a rimanere addormentati tutta la notte e a dormire quanto si vorrebbe al mattino. Può avere effetti seri, portando a un’eccessiva sonnolenza diurna, a un rischio maggiore di incidenti automobilistici e a effetti diffusi sulla salute dovuti alla privazione del sonno. Le cause comuni dell’insonnia includono lo stress, un programma di sonno irregolare, cattive abitudini di sonno, disturbi mentali come ansia e depressione, malattie fisiche e dolore, farmaci, problemi neurologici e disturbi specifici del sonno. Per molte persone, una combinazione di questi fattori può iniziare e aggravare l’insonnia.

Insonnia cause

Non tutta l’insonnia è uguale; le persone possono sperimentare la condizione in modi diversi1. L’insonnia a breve termine si verifica solo per un breve periodo, mentre l’insonnia cronica dura per tre mesi o più. Per alcune persone, il problema principale è addormentarsi (insorgenza del sonno), mentre altri lottano per rimanere addormentati (mantenimento del sonno).

In un mondo ideale, l’orologio interno del corpo, noto come il suo ritmo circadiano, segue da vicino lo schema giornaliero del giorno e della notte. In realtà, molte persone hanno orari di sonno che causano un disallineamento del loro ritmo circadiano. Due esempi ben noti sono il jet lag e il lavoro a turni. Il jet lag disturba il sonno perché il corpo di una persona non può adattarsi a un rapido cambiamento di fuso orario. Il lavoro a turni richiede che una persona lavori durante la notte e dorma durante il giorno. Entrambi possono dare origine a un ritmo circadiano disturbato e all’insonnia. In alcune persone, i ritmi circadiani possono essere spostati in avanti o indietro senza una causa chiara, con conseguenti difficoltà persistenti nei tempi del sonno e nella qualità generale del sonno.

Come curare l’insonnia

Terapia del controllo degli stimoli. Questo metodo aiuta a rimuovere i fattori che condizionano la mente a resistere al sonno. Per esempio, potresti essere istruito ad impostare un orario coerente per andare a letto e svegliarti ed evitare sonnellini, usare il letto solo per dormire e per il sesso, e lasciare la camera da letto se non riesci ad andare a dormire entro 20 minuti, tornando solo quando hai sonno.
Tecniche di rilassamento. Il rilassamento muscolare progressivo, il biofeedback e gli esercizi di respirazione sono modi per ridurre l’ansia al momento di andare a letto. Praticare queste tecniche può aiutare a controllare la respirazione, la frequenza cardiaca, la tensione muscolare e l’umore in modo da potersi rilassare.
Limitazione del sonno. Questa terapia diminuisce il tempo trascorso a letto ed evita i sonnellini diurni, causando una parziale privazione del sonno, che ti rende più stanco la notte successiva. Una volta che il tuo sonno è migliorato, il tuo tempo a letto viene gradualmente aumentato.
Rimanere passivamente svegli. Chiamata anche intenzione paradossale, questa terapia per l’insonnia appresa ha lo scopo di ridurre la preoccupazione e l’ansia di riuscire ad addormentarsi mettendosi a letto e cercando di rimanere svegli piuttosto che aspettarsi di addormentarsi.
Terapia della luce. Se ti addormenti troppo presto e poi ti svegli troppo presto, puoi usare la luce per spingere indietro il tuo orologio interno. Puoi andare fuori durante i periodi dell’anno in cui c’è luce fuori la sera, o puoi usare una scatola luminosa. Parla con il tuo medico delle raccomandazioni.