9 Dicembre 2021

I paesi poveri non vogliono più pagare per i danni della crisi climatica

La promessa non mantenuta di miliardi di aiuti climatici dai paesi ricchi affligge la COP26, ma i paesi poveri vogliono portare avanti a Glasgow un’altra questione collegata: quella dei danni che stanno già subendo.

Le sfide della COP26 sono numerose, una più difficile ed esplosiva dell’altra, ma uno dei punti di tensione riguarda la promessa non mantenuta di miliardi di aiuti per il clima dai Paesi ricchi.

Nel 2009 questi ultimi avevano promesso ai Paesi più poveri ed esposti di aumentare i loro aiuti per la lotta ai cambiamenti climatici a 100 miliardi di dollari l’anno entro il 2020. Prendendo atto del loro fallimento, avevano presentato poco prima della COP un “piano di consegna” pianificando per adempiere a questo impegno nel 2023.

“Sei il primo a soffrire e l’ultimo a ricevere aiuto”
La pillola va male tra le più minacciate. Soprattutto perché sono per lo più contributori insignificanti al riscaldamento globale. E che la maggior parte dei fondi loro assegnati va a misure di riduzione delle emissioni. Di conseguenza, si sentono come se stessero pagando due volte, nel portafoglio e in natura. “Siete i primi a soffrire e gli ultimi a ricevere aiuti”, ha ammesso il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres durante un incontro alla COP dei Paesi del Climate Vulnerable Forum (CVF). E per sollecitare “a fare di più per proteggere le popolazioni vulnerabili dai pericoli evidenti e attuali del cambiamento climatico”.

E sono proprio questi pericoli “attuali” che i più minacciati vogliono vedere specificamente presi in considerazione. La lotta al riscaldamento globale e ai suoi effetti si basa infatti sulla “mitigazione”, ad esempio la lotta alle emissioni, e sull'”adattamento”, preparazione ad affrontare le prevedibili conseguenze. I paesi vulnerabili vogliono aggiungere a ciò le “perdite e danni” che già stanno subendo.

Questo tema è ben citato nell’accordo di Parigi ed esiste anche un “meccanismo internazionale” sulla questione, ma i paesi ricchi sono restii ad averlo sul tavolo come tale. “Si tratta principalmente di paura e persino di paranoia su questioni di responsabilità e possibili risarcimenti” spiega Yamine Dagnet, del think tank del World Resources Institute. “Ma non si tratta di questo, si tratta di ciò che accadrà quando queste piccole isole scompariranno”. Il tema è stato ben citato in una dichiarazione pre-COP della “coalizione di grandi ambizioni”, che riunisce paesi “piccoli” e “grandi”.

Cresce la tensione
Ma i ricchi vogliono farne parte della componente di “adattamento” dei finanziamenti. Componente che raggiunge per il momento solo un quarto delle somme svincolate, conta il 75% per la mitigazione, mentre l’Onu come i Paesi poveri rivendicano almeno la parità. Tanto più che i bisogni stimati di assistenza ai più vulnerabili sono “300 miliardi all’anno entro il 2030” secondo Antonio Guterres.

E che è proprio “il mancato finanziamento dell’adattamento che si è trasformato in perdita e danno”, sottolinea Abul Kalam Azad, inviato della presidenza bengalese del CVF. “Abbiamo bisogno di ulteriori finanziamenti separati dall’obiettivo annuale” (100 miliardi) per perdite e danni, insiste Aiyaz Sayed-Khaiyum, ministro dell’Economia e del cambiamento climatico delle Isole Fiji.

E finanziamenti che non si aggiungono all’onere del debito dei Paesi interessati, insiste: «Farci pagare interessi sui soldi destinati ad aumentare la nostra resilienza sarebbe crudele. Come farci pagare la mafia dei combustibili fossili responsabile del terrore inflittoci da questa crisi”.